L’Arca di Hamilton in viaggio verso la fine dei tempi

  • Autore dell'articolo:
  • Tempo di lettura:3 minuti di lettura

Salvation: il balzo della space opera in sella all'entanglement quantistico

Salvation peter f. hamilton

Salvation – L’Arca della Salvezza è il primo libro di un ciclo di tre volumi, scritto da un autore indubbiamente dotato di immaginazione e capacità di imbastire trame che si dilungano in saghe infinite, o quasi. Dall’entanglement quantistico di Niels Bohr, Peter Hamilton estrapola un futuristico entanglement spaziale, grazie al quale si posso aprire portali per passare da un posto a un altro in qualsiasi parte del pianeta o dell’universo, rendendo obsoleti tutti gli altri mezzi di trasporto.

L’Arca in questione è una Astronave aliena, quella degli Olyix, una razza che sta viaggiando attraverso l’universo, che loro ritengono statico, verso un punto dello spazio dove sta il Dio alla fine dei tempi. Apparentemente sembrano una razza innocua, motivata da una spinta ideologia religiosa benevola, e lo scambio di sapere scientifico, in particolare le cellule K, che permettono di prolungare la vita anche di secoli, pare conveniente ai terrestri.

La storia viene raccontata tramite le vicende dei vari personaggi in viaggio verso un pianeta isolato, dove è stata rinvenuta una astronave sconosciuta, con a bordo diciassette esseri umani, posti in una sorta di ibernazione da almeno ottanta anni, prima ancora dell’avvento dell’entanglement spaziale. I vari capitoli sono alternati dal racconto dei partecipanti alla missione segreta, le loro vicende servono ad ambientare lettore in questo mondo futuro, con altri capitoli collocati in un futuro lontano cinquecento anni, dove gruppi umani si addestrano per combattere una guerra contro un implacabile nemico alieno che mira alla distruzione di tutta l’umanità.

Lentamente si dipana una vicenda molto complicata, ma con un ritmo di scrittura avvincente e ben dosato nelle sue sequenze, tenendo in sospeso la rivelazione su chi siano i temuti nemici alieni dediti allo sterminio della specie umana fino agli ultimi capitoli. Il Finale è semiaperto, anche se il romanzo si può leggere come singolo.

Peter F. Hamilton è sicuramente un bravo scrittore e intrattenitore, sfoggia una notevole fantasia, e la sua space opera è avvincente quanto lo era quella di Edmund Hamilton, riesce a infondere lo stesso fascino e mistero, tipico dell’avventura spaziale di altri tempi, ma con una tecnologia all’avanguardia, anche se l’odierno progresso tecnologico, almeno per quanto riguarda le IA, sembra avvicinarsi molto velocemente a quello presentato in questo romanzo.
Sicuramente un buon romanzo di SF da leggere.

Salvation – L’Arca della Salvezza
Titolo Originale: SALVATION – (2018)
Traduttore: Davide De Boni
Pag. 565
URANIA Jumbo -25 –
Mondadori

Giuseppe Ferri

salvation l'arca della salvezza

Giuseppe Ferri

classe 1959 da sempre appassionato lettore di SF, unico genere letterario in grado di unire materia umanistica a 297 quella scientifica senza annoiare. Ama leggere più che scrivere e questo è il motivo della sua scarsa produzione. Attualmente, dopo 42 anni e 10 mesi di contributi finalmente in pensione, ma continua ad avere lo sguardo sul futuro.

Lascia un commento